L’intento non è di tipo meramente descrittivo ma vuole essere il tentativo di moltiplicare le risorse cognitive a disposizione per una riflessione critica dei modi in cui il campo della cultura rappresenta se stesso e le proprie problematiche agendo nell’ambito delle politiche urbane. Sarà importante riflettere sui casi concreti suggeriti dal gruppo come esperienze da cui apprendere. I primi temi di confronto proposti dai coordinatori sono due ricerche/azione in corso: Regeneration and optimisation of cultural heritage in creative and knowledge cities (Rock), progetto vincitore di un  bando europeo Horizon 2020 (capofila Comune di Bologna con il coordinamento dell’Università di Bologna), e Matera Capitale Europea della Cultura 2019, un laboratorio di politiche laboratorio di politiche (Fondazione Matera Basilicata 2019 e Comune di Matera) e ricerca (Smart City Miur Pon) che si confrontano su differenti significati di cultura, patrimonio e creatività in corsa verso la scadenza del 2019.

Componenti: Franco Bianchini (Universitá di Hull – UK), Vando Borghi (DSDE Unibo), Andrea Borsari (DA Unibo), Giacinto Donvito (Iuav), Mauro Felicori (Ministero Beni culturali), Enrico Fontanari (DCP Iuav), Giulio Giovannoni (DIDA Unifi), Giovanna Iacovone (DICEM Unibas), Daniela Lepore (DIARC Unina), Maria Federica Palestino (DIARC Unina), Davide Ponzini (DAStU Polimi), Laura Scrano (DICEM Unibas)