Si sta facendo la mappatura (“chi fa che cosa, come, dove, quando”) e si stanno elaborando brevi report su casi di agende urbane nazionali e programmi nazionali di politiche per le città, individuati come significativi per criteri di rilevanza e di pertinenza, con riferimento a Paesi europei e extraeuropei. Si provvede alla individuazione delle principali problem areas proposte istituzionalmente e al monitoraggio delle ‘risposte’ dei singoli Stati membri dell’UE all’invito della Commissione di dotarsi di un’agenda urbana nazionale per le città, nel quadro della politica di coesione 2014-2020;

si lavora ad un archivio, da rendere accessibile on line, delle fonti conoscitive disponibili e raccolte (documenti ufficiali, pubblicazioni scientifiche, materiali di ricerca, rassegna stampa tematica, ecc.) per definire i lineamenti di un Osservatorio permanente che si costituisca come una delle attività caratterizzanti di Urban@it;

si intende procedere alla formazione di un panel di esperti internazionali con funzione di controllo, di facilitazione nell’accesso alle fonti, di discussione;

si stanno individuando le issue areas che, in quanto questioni trasversali e transnazionali spesso all’origine di importanti conflitti e controversie, dovrebbero costituire campi di riflessione per il policy design a livello europeo, per una politica urbana e territoriale concepita “dal basso”;

si intende elaborare un position paper per un’Agenda urbana europea, che tenga conto di queste issue areas (come si collocano e che cosa possiamo apprendere da queste esplorazioni ai fini della comprensione e dello sviluppo dell’Agenda urbana europea e italiana;

si valuterà la possibilità di organizzare un eventuale workshop conclusivo.