Nella messa in opera del Piano nazionale di ripresa e resilienza una parte essenziale delle innovazioni che esso vuole “mettere a terra” chiama in causa le città e le loro capacità di mobilitare, aggregare, decidere, realizzare progetti di profondo, rapido e tangibile miglioramento della vita individuale e collettiva. E’ un impegno colossale data la trasformazione della cultura amministrativa e organizzativa che richiede anche e proprio alle istituzioni e alle comunità locali. E dato il bisogno che le une e le altre sappiano creare un ambiente favorevole all’effettività di un cambiamento sostanziale nelle proprie agende di lungo andare e negli obiettivi sino ad oggi prediletti. Ebbene il VII rapporto sulle città di Urban@it affronta le condizioni di contesto che quel cambiamento dovrebbero ospitare. Lo fa mettendo sotto osservazione alcune delle principali città italiane secondo tre profili essenziali: lo stato e l’evoluzione degli assetti e dei mercati immobiliari; l’impatto e le dinamiche dei processi di digitalizzazione nelle reti in cui questi si articolano; Il formarsi e il consolidarsi di pratiche di condivisione civica e sociale della gestione di beni, spazi e funzioni di rilevanza comunitaria. Tre prospettive di ricerca che evidenziano, anche mediante approfondimenti trasversali alle diverse realtà urbane, come si siano andate evolvendo la configurazione dei poteri locali, le modalità di governance cui essi danno vita, le relazioni con soggetti e dinamiche internazionali di mercato, le forme, gli attori e le risorse della negoziazione e della regolazione sociale. Ne emerge un ritratto a mosaico che – scontando l’impatto della pandemia e le misure conseguenti – ci dice come cambi il “possesso” delle città in Italia. Come esso si vada articolando e redistribuendo. E quanto possa influenzare, o condizionare o vincolare – secondo il divenire dei singoli contesti – l’innovazione urbana e il suo contributo a quella del Paese.

Il settimo Rapporto di Urban@it dal titolo “Chi possiede la città? Proprietà, poteri, politiche” curato da Camilla Perrone, Annick Magnier e Massimo Morisi, tutti docenti dell’Università di Firenze, sarà presentato venerdì 28 gennaio 2022, a Bologna, presso l’Aula Giorgio Prodi dell’Università di Bologna, in Piazza San Giovanni in Monte, 2.